Erbe per dimagrire: quali sono e come agiscono

Erbe per dimagrire: quali sono e come agiscono

Oltre ad una corretta alimentazione e ad una bella passeggiata ogni giorno, ci sono anche alcune erbe che possono aiutarti in questo intento. Ma mettiamo subito in chiaro una cosa: erbe per dimagrire in senso stretto non ce ne sono; cioè, non esistono vere e proprie erbe dimagranti brucia grassi. Detto questo, ci sono delle erbe che possono indirettamente aiutare nella perdita di peso, grazie alla loro azione nell’organismo.

Le erbe “spezzafame”

Erbe per dimagrire: quali sono e come agiscono

Per esempio, alcune erbe sono in grado di diminuire la sensazione di fame. In questo senso sono considerate delle erbe per dimagrire, perché aiutano a mangiare meno. Gramigna, tiglio, melissa, carcadè e frutti di bosco sono le migliori da questo punto di vista. Come assumerle? Prepara una tisana mettendo un cucchiaino di ciascuna di queste erbe in un litro e mezzo di acqua; fai bollire per 4-5 minuti e poi lascia ancora un po’ di tempo in infusione. Fai raffreddare e bevi nel corso della giornata. Un vero concentrato di erbe “dimagranti” naturali!

L’antifame per eccellenza: la garcinia cambogia

La puoi assumere anche sotto forma di integratori in capsule. È l’estratto di un frutto esotico, usato da secoli in Africa e in Asia per le sue numerose proprietà. Molti studi confermano la sua efficacia come “spezzafame” e quindi, in questo senso, come valido aiuto in una dieta per perdere peso. Il principio attivo contenuto nella sua buccia, infatti, è capace di sedare un po’ l’appetito e far arrivare prima il senso di sazietà.

Erbe per dimagrire: le diuretiche

Erbe per dimagrire: quali sono e come agiscono

Poi ci sono le erbe che aiutano la diuresi e, di conseguenza, contrastano il gonfiore: tarassaco, betulla e chirosella. In particolare, il tarassaco è considerato tra le migliori erbe per drenare (e depurare); inoltre, il suo effetto è molto rapido, perché agisce nel giro di mezz’ora dal momento in cui viene consumato. La migliore modalità di assunzione di queste “erbe per dimagrire” è sempre la tisana, anche perché il solo fatto di bere molto durante il giorno già è un aiuto fondamentale per drenare i liquidi e combattere la ritenzione idrica.

Gli effetti collaterali

Erbe per dimagrire: quali sono e come agiscono

Il fatto che si tratti di rimedi naturali non significa che puoi abusarne o assumerne a tuo piacimento. Anche nel caso delle “erbe per dimagrire” è sempre meglio consultare un medico, che possa consigliarti (soprattutto sulle dosi). Anche i rimedi erboristici, infatti, possono avere degli effetti collaterali, generalmente nausea e diarrea. Nel caso in cui capitasse, interrompi subito la loro assunzione e fai valutare tutti i sintomi al tuo dottore.

Pericolo naturale

Spesso si pensa che tutto ciò che è naturale faccia bene, ma non è così e ci sono erbe la cui assunzione può avere effetti collaterali importanti e che, quindi, possono essere pericolose per la nostra salute. Ad esempio l’alga fucus e l’alga spirulina, a cui solitamente vengono attribuite proprietà “dimagranti”, possono alterare le normali funzioni della tiroide. Oppure la liquirizia, considerata un ottimo digestivo, può alzare la pressione. Insomma, quello che è naturale non è sempre sicuro!