Dieta iposodica

La dieta iposodica è una terapia alimentare caratterizzata da un basso apporto di sodio, finalizzatao alla riduzione della pressione sanguigna nei soggetti caratterizzati da ipertensione arteriosa.

In origine, la dieta iposodica aveva come caratteristica principale la limitazione degli alimenti contenenti sodio o sale da cucina aggiunti e l’abolizione del cosiddetto sale «discrezionale» (quello aggiunto a livello casalingo). Oggi, la dieta iposodica è uno schema alimentare molto più complesso; anzitutto, la dieta iposodica è spesso anche una dieta ipocalorica, ciò è dovuto al fatto che molti casi di ipertensione riconoscono un’eziologia multipla, tra cui spicca l’eccessivo accumulo di tessuto adiposo (sovrappeso ed obesità) con aumento dell’Indice di Massa Corporea (>IMC o BMI, spesso in corrispondenza della fascia addominale).
Inoltre, la dieta iposodica può essere corretta sulla base di altre patologie esistenti, al fine di renderla efficace anche nel ripristino degli altri parametri metabolici compromessi; in molti casi, la dieta iposodica evolve così in una dieta anti-sindrome metabolica.

Gli accorgimenti più utili e frequenti da utilizzare nella composizione di una dieta iposodica «anti-sindrome metabolica» sono:

  1. Eliminazione del sale discrezionale e di tutti gli alimenti contenenti sodio aggiunto
  2. Giusto apporto energetico in base alla composizione corporea
  3. Moderazione del carico e dell’indice glicemico, per ridurre la glicemia e la trigliceridemia
  4. Moderazione del colesterolo alimentare e riduzione delle LDL circolanti nel sangue
  5. Aumento degli acidi grassi insaturi appartenenti alla famiglia ω3 e (se necessario) anche degli ‰ω6 e ω‰9, a discapito degli acidi grassi saturi e/o idrogenati; l’effetto è traducibile in una riduzione della pressione arteriosa e dei trigliceridi, con abbassamento del colesterolo totale e/o delle LDL, e a volte un aumento delle HDL
  6. Aumento di acquafibra alimentaresostanze fenolichelecitine vegetali, fitosterolivitamine antiossidanti e sali minerali antiossidanti o comunque utili (potassio, magnesio e calcio) per: ridurre l’assorbimento del colesterolo e migliorarne il metabolismo, ridurre lo stress ossidativo totale e migliorare l’equilibrio sodio/potassio a vantaggio della pressione arteriosa
  7. Moderazione/eliminazione dei nervini quali: caffeinateina, altri stimolanti presenti nelle bevande energizzantialcol etilico ecc.

Inoltre, si consiglia di associare alla dieta iposodica: abolizione del tabagismo, riduzione delle situazioni eccessivamente stressogene e avviamento di un protocollo a tempo indeterminato di attività fisica motoria aerobica ed anaerobica.
In sintesi, la dieta iposodica è mirata non solo alla moderazione della pressione arteriosa ma anche alla riduzione del rischio cardiovascolare complessivo, soprattutto in presenza di altri fattori di rischio per cardiopatia ischemica e sindrome vascolare cerebrale (facilitate da aterosclerosi e ipertensione o da fattori ereditari come gli aneurismi). NB. La dieta iposodica può anche necessitare i giusti accorgimenti per la prevenzione dell’iperuricemia o degli attacchi gottosi nei soggetti predisposti, ma si tratta di una terapia abbastanza peculiare e specifica.
Nella pratica, la dieta iposodica finalizzata alla compensazione dell’ipertensione e degli altri parametri metabolici predisponenti (sovrappeso, ipercolesterolemia, iperglicemia o diabeteipertrigliceridemiastress ossidativo elevato ecc.) si struttura nel seguente modo:

 

0 мысли о “Dieta iposodica”

  1. I will buy this theme now. It gives me an inspiration and to be passionate in what I am doing right now. I love blogging! I love this theme! Wise Blog is the wisest WordPress theme.

Оставьте комментарий

Ваш e-mail не будет опубликован. Обязательные поля помечены *